You are currently viewing I grandi narratori non spiegano mai

I grandi narratori non spiegano mai

Una delle trappole narrative in cui si può rischiare di cadere è quella che alcuni chiamano “spiegone“, un modo poco tecnico per definire la tendenza di certi autori a spiegare le loro scelte narrative all’interno della storia, per esempio fornendo informazioni dirette sull’ambientazione, riassunti riepilogativi, caratteristiche fisiche o psicologiche dei personaggi.

LA NARRAZIONE NON È UN DIBATTITO

Narrare non parlare

I grandi narratori, lo ripetiamo, non spiegano mai il senso delle loro scelte, questo perché narrare vuol dire convertire un’idea in azione. La narrazione deve essere già sufficiente, per il lettore, a dimostrare l’esistenza di una storia, a renderla credibile e vivibile in termini emotivi, non dovrebbe essere necessario, dunque, argomentare a favore delle scelte narrative fatte. Il lettore non è interessato – o lo è solo raramente – al dibattito di idee, a quello che l’autore pensa, a ciò che sarebbe più opportuno che i personaggi facciano in una determinata situazione in base a un elenco di opportunità riportate in lunghi riassunti o digressioni. La scrittura introspettiva è solo una scappatoia inconsistente, perché alla fine risulta chiaramente essere il punto di vista dell’autore passato attraverso i presunti pensieri del personaggio.
Le spiegazioni delle idee dell’autore riducono l’impatto emotivo e narrativo della storia; la visione dell’autore va espressa, invece, mediante le conseguenze che seguono alle scelte fatte dai personaggi ed è in questo sviluppo causa-effetto che tutte le motivazioni autoriali dovrebbero emergere con i loro significati espliciti e impliciti e con tutte le implicazioni etiche, morali e valoriali.

S.O.S DIALOGHI

Quando i dialoghi sono a rischio

Spesso i dialoghi non funzionano perché diventano un dibattito, non fra i personaggi, ma fra l’autore e i suoi lettori, una sorta di comizio in cui chi scrive espone le proprie idee. Ma il dialogo dovrebbe essere una conversazione spontanea, naturale conseguenza del pensiero e delle azioni dei personaggi, per cui dovrebbero emergerne personalità, parole, scelte morali, sentimenti, caratteristiche fisiche dei personaggi. Immaginiamo che l’idea dell’autore sia che “il tradimento è la cosa peggiore che possa accadere a una coppia”, i meccanismi della narrazione efficace gli chiedono non di spiegare le sue motivazioni o i suoi presupposti, bensì di esprimere questa visione mediante le scelte dei personaggi e, soprattutto, narrando le conseguenze di tali scelte.

SHOWING E TELLING

Oltre gli slogan

È bene sempre ricordare che lo scopo di una storia non è spiegare, ma rendere credibile: il lettore non deve solo capire, deve credere che la storia sia vera, o il più possibile vicina alla verità. Per questo i grandi narratori non spiegano e non interferiscono con la storia, insinuandosi apertamente fra le righe, nei dialoghi, nelle descrizioni, esaltando solo il loro punto di vista. I grandi scrittori operano in modo che la storia si sostenga attraverso la dinamica degli eventi. Qualunque sia il genere scelto, il significato di quanto narrato non va spiegato, ma messo in scena.
È un po’ quello che, a volte maldestramente, alcuni racchiudono nell’ormai famoso detto show don’t tell, qualcosa di molto più profondo di un semplice mostra non dire. La storia va, appunto, messa in scena, espressa emotivamente, condensata intorno a effetti forti, sia retoricamente che stilisticamente. Show don’t tell non vuol dire non descrivere i personaggi ma mostrarli in azione: vuol dire mettere in scena gli eventi e dare corpo a una narrazione efficace, anche con il telling, se serve, ma nel modo opportuno e al servizio della storia.

Condividi:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

vania

Vania Russo è scrittrice, valutatore editoriale di manoscritti, editor e docente di corsi di scrittura creativa e narratologia. Dal 2008 segue diversi stage, master e corsi di narratologia e laboratori teatrali. Si specializza in laboratori di narratologia e si forma quale lettore editoriale ed editor professionista presso la Scuola Dumas, docente Mario Arturo Iannaccone. Collabora con diverse Associazioni Culturali e Case Editrici in qualità di correttore bozze ed editor. Partecipa a diversi concorsi letterari con il gruppo di scrittori Ludici Scriptores. È presidente dell’Associazione Storico Culturale Lidenbrock, della quale dirige la rivista letteraria insieme allo storico saggista Mario Arturo Iannaccone. Ha pubblicato, oltre ai romanzi, il Manuale di scrittura creativa – Con esempi, esercizi, approfondimenti e Scrivere con stile – Manuale avanzato di scrittura con esempi, esercizi, approfondimenti, editi da Panda Edizioni.

Lascia un commento