La Revisione del testo

Revisione del testo: superare gli ostacoli dell’imperfezione

Qualunque siano la sua natura e il suo scopo, un testo non finisce con l’ultima parola scritta, anzi, forse non finisce mai. La messa in stampa sembra bloccare la scrittura di una storia, ma non è così, perché questo processo continua ogni volta che qualcuno legge il testo, lo commenta, ci riflette, lo ricorda, lo propone ad altri. Tuttavia, pur consapevoli di questa infinita revisione insita nella forma stessa del narrare, la revisione del testo è un passo essenziale e spesso impegnativo nel processo di realizzazione di un contenuto di qualità, e deve essere volta a far sì che il messaggio dell’autore sia chiaro, rispetto alle premesse, coerente e privo di errori, ma può rivelarsi una vera sfida, perché revisionare ha aspetti tecnici e aspetti psicologici di notevole impatto sul lavoro degli autori.

L’IMPERFEZIONE DELL’OCCHIO UMANO E IL DISTACCO EMOTIVO

Se restiamo sul piano tecnico, dobbiamo tenere conto del fatto che esistono difficoltà oggettive legate alla correzione di un testo, una di queste è dovuta al nostro cervello, che ha la tendenza a correggere automaticamente gli errori. Questo fenomeno è noto come “cecità da correzione”, e rende facile ignorare imprecisioni anche evidenti come errori di battitura, errori grammaticali o frasi poco chiare. Per evitare questo problema, è essenziale mettere distanza tra sé e quanto scritto, prendersi il tempo necessario per ritrovare lucidità emotiva rispetto alla storia. Scrivere richiede una certa dose di passione e coinvolgimento emotivo, ma la revisione richiede un atteggiamento più distaccato e obiettivo. È difficile vedere i propri errori quando si è emotivamente legati al proprio lavoro, per questo prendersi del tempo e allontanarsi permette alle emozioni di dissolversi per poi ritornare con una mente più obiettiva. Non abbiate fretta e calmate le emozioni.

LA COMPLESSITÀ DELLA GRAMMATICA E DELLO STILE

La grammatica e lo stile sono aspetti fondamentali della revisione del testo ed è certo che le norme grammaticali e le convenzioni stilistiche possono essere complesse e variare in base al tipo di scrittura (ad esempio, la scrittura accademica, la scrittura creativa o la scrittura giornalistica). È importante avere una buona comprensione di queste regole e, se necessario, consultare guide, manuali, o cercare consigli professionali. Inoltre, la revisione richiede una grande attenzione ai dettagli, considerando che anche un singolo errore di punteggiatura può alterare il significato di una frase. Per evitare di trascurare questi dettagli, è utile adottare una strategia sistematica, come la lettura parola per parola o la revisione a paragrafi. Inoltre, strumenti di correzione ortografica e grammaticale possono essere di grande aiuto, anche se non dovrebbero sostituire una revisione umana accurata.

LA COERENZA

La coerenza in un testo si riferisce ai nessi logici, alla naturalezza delle connessioni tra le diverse parti del testo, al dinamismo interno e alle motivazioni. In altre parole, un testo è coerente quando le idee, i paragrafi e le frasi sono legati in modo tale che il lettore possa seguirne il significato in modo fluido e senza confusione. La coerenza è una caratteristica essenziale di un buon scritto, poiché contribuisce a rendere il testo più comprensibile, persuasivo e piacevole da leggere, però può essere difficile mantenere la coerenza in termini di stile, tono e struttura. È fondamentale leggere l’intero documento in modo continuo per assicurarsi che il flusso sia naturale e coerente. Allo stesso tempo, è importante verificare che i riferimenti, le citazioni e le fonti siano corretti e adeguatamente formattati, perché anche l’aspetto ha la sua rilevanza in termini di coerenza visiva:

  • Coerenza di contenuto: le informazioni presentate nel testo devono essere logicamente connesse e avere senso all’interno del contesto. Gli argomenti devono essere sviluppati in modo logico e progressivo, evitando salti improvvisi o informazioni fuori contesto.
  • Coerenza di stile: il testo dovrebbe mantenere uno stile coerente in tutto il documento. Questo include l’uso di una voce, un tono e un registro linguistico appropriati per il pubblico e lo scopo del testo. Ad esempio, uno stile formale dovrebbe essere mantenuto in un documento accademico, mentre uno stile più informale può essere adatto a un blog personale.
  • Coerenza grammaticale: la grammatica e la struttura delle frasi dovrebbero essere uniformi. Ciò significa che le norme grammaticali dovrebbero essere applicate in modo coerente, e la struttura delle frasi dovrebbe seguire uno schema simile per evitare confusione.
  • Coerenza di struttura: la struttura del testo dovrebbe essere organizzata in modo logico e coerente. Questo comprende l’uso di paragrafi ben strutturati, titoli appropriati, sottotitoli, collegamenti tra le sezioni e l’uso di segnali di transizione per guidare il lettore da un’idea all’altra.
  • Coerenza di riferimenti e citazioni: se il testo fa riferimento a fonti esterne o fa citazioni, queste dovrebbero essere corrette e coerenti. Ciò include l’uso di uno stile di citazione specifico, come APA o MLA, e l’attribuzione adeguata delle fonti.

LA PROSPETTIVA ESTERNA

Quando si scrive, spesso si è immersi nel proprio mondo e nel proprio punto di vista e la revisione può soffrire a causa della mancanza di una prospettiva esterna. È utile chiedere a colleghi, amici o professionisti del settore di dare un’occhiata al proprio lavoro. Questi revisori esterni possono individuare errori e ambiguità che l’autore potrebbe non aver notato.

QUALCHE LETTURA UTILE

vania

Vania Russo è scrittrice, valutatore editoriale di manoscritti, editor e docente di corsi di scrittura creativa e narratologia. Dal 2008 segue diversi stage, master e corsi di narratologia e laboratori teatrali. Si specializza in laboratori di narratologia e si forma quale lettore editoriale ed editor professionista presso la Scuola Dumas, docente Mario Arturo Iannaccone. Collabora con diverse Associazioni Culturali e Case Editrici in qualità di correttore bozze ed editor. Partecipa a diversi concorsi letterari con il gruppo di scrittori Ludici Scriptores. È presidente dell’Associazione Storico Culturale Lidenbrock, della quale dirige la rivista letteraria insieme allo storico saggista Mario Arturo Iannaccone. Ha pubblicato, oltre ai romanzi, il Manuale di scrittura creativa – Con esempi, esercizi, approfondimenti e Scrivere con stile – Manuale avanzato di scrittura con esempi, esercizi, approfondimenti, editi da Panda Edizioni.

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento