You are currently viewing I 5 elementi chiave della storia

I 5 elementi chiave della storia

La macro struttura di un romanzo, nella sua trama classica, prevede lo sviluppo in 3 atti: il primo espositivo, il secondo di sviluppo e il terzo di scioglimento; ciò è da intendersi in termini generali. Ci possono essere delle variazioni, si può andare verso trame non classiche (minitrame, antitrame) ma la struttura portante poggia quasi sempre sui 3 atti (che si rifanno ovviamente ad Aristotele). Scendendo più nel dettaglio del cosa componga la storia, analizzandola insomma più da vicino, possiamo distinguere, a livello più intimo e interno, ulteriori 5 elementi grazie ai quali una vicenda si sviluppa in modo efficace. Parliamo di “almeno” 5 elementi perché la storia si sviluppi in modo efficace, cioé perché funzioni.

I MAGNIFICI 5

I 5 elementi che costituiscono il disegno della storia sono:

  1. l’incidente scatenante
  2. le complicazioni progressive
  3. la crisi
  4. il climax
  5. la risoluzione

IL PERCORSO DELLA STORIA

Senza questi elementi chiave la storia rischia di vacillare, di non girare, di non funzionare. Ciascuno di essi ha uno scopo preciso e va a inserirsi nella macrostruttura dei 3 atti, basti pensare al fatto che l’incidente scatenante (detto anche esordio) deve trovarsi nel primo atto (quello espositivo), mentre il climax di trama (quello che indica il punto di non ritorno della vicenda) deve necessariamente trovarsi al culmine del secondo atto, quando il romanzo si avvia verso lo scioglimento.

L’INCIDENTE SCATENANTE

L’incidente scatenante in particolare è molto importante, perché è quel particolare evento che sconvolge completamente gli equilibri (negativi o positivi) nella vita dei protagonisti, spostando la carica iniziale dei valori verso il negativo o verso il positivo, soprattutto a seconda dello stato iniziale. A partire da questo punto, la vita del protagonista cambia, costringendolo a operare una prima scelta, che in genere non è ancora troppo grande, impegnativa e radicale. È proprio questa scelta, seguita all’incidente scatenante, che alimenta il secondo elemento chiave nella composizione di una storia: le complicazioni progressive che verranno subito dopo.

LA PROGRESSIONE

La prima scelta del protagonista, resa necessaria del cambiamento dello stato iniziale, avrà delle conseguenze che porteranno a nuove situazioni di disequilibrio, perché il tutto si lega all’esigenza del personaggio di riportare lo stato di equilibrio, esigenza che diventa occasione per lui/lei di scoprire di avere un desiderio profondo, fisico, spirituale, psicologico (qui si lavora anche di divario tra conscio e inconscio), e così via, che sente ora il bisogno di realizzare. Banalmente, la rottura dell’equilibrio iniziale può costringere il personaggio a cercare relazioni nuove, facendogli così realizzare che desidera che qualcuno entri a far parte stabilmente della sua vita. Il tentativo di realizzare questo desiderio sarà, a quel punto, il vero motore della storia. Dunque, la prima scelta condurrà ad altre, sempre più difficili e complicate, e questa progressione di complicazioni è ciò che conduce al terzo elemento compositivo indispensabile, la crisi, il punto in cui il protagonista non può più tornare indietro, il punto in cui le conseguenze di tutte le sue scelte si addensano e lo conducono al picco emotivo, il climax e alla risoluzione con il finale vero e proprio.

 

Leggi anche Come scrivere un romanzo: costruire una trama efficace

Condividi:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

vania

Vania Russo è scrittrice, valutatore editoriale di manoscritti, editor e docente di corsi di scrittura creativa e narratologia. Dal 2008 segue diversi stage, master e corsi di narratologia e laboratori teatrali. Si specializza in laboratori di narratologia e si forma quale lettore editoriale ed editor professionista presso la Scuola Dumas, docente Mario Arturo Iannaccone. Collabora con diverse Associazioni Culturali e Case Editrici in qualità di correttore bozze ed editor. Partecipa a diversi concorsi letterari con il gruppo di scrittori Ludici Scriptores. È presidente dell’Associazione Storico Culturale Lidenbrock, della quale dirige la rivista letteraria insieme allo storico saggista Mario Arturo Iannaccone. Ha pubblicato, oltre ai romanzi, il Manuale di scrittura creativa – Con esempi, esercizi, approfondimenti e Scrivere con stile – Manuale avanzato di scrittura con esempi, esercizi, approfondimenti, editi da Panda Edizioni.

Lascia un commento