You are currently viewing Generi letterari, come usarli nella scrittura

Generi letterari, come usarli nella scrittura

La letteratura viene da sempre suddivisa in una prima macro classificazione generale, ovvero quella tra: poesia, prosa e teatro, parti contraddistinte da parametri compositivi differenti e da intenzioni comunicative diverse. Per quanto riguarda i generi letterari, invece, la suddivisione e la classificazione si è avviata, ed è mutata, nel corso dei decenni. C’è comunque chi afferma che non esiste alcun genere letterario e che in realtà tutti i libri di narrativa sono ibridazioni appartenenti alle diverse categorie. Insomma, il discorso è ampio e complesso, soprattutto dibattuto, proprio perché riconoscere delle caratteristiche stabili nei generi non è semplice. Tuttavia, è innegabile che ogni genere narrativo (che sia usato in senso stretto o ibridato con altri) abbia delle caratteristiche che ne determinano la natura narrativa e che permettono ad autori e lettori di allinearsi nella comprensione di quel che accade nel mondo fittizio in cui si sviluppa la storia.

TANTI GENERI PER CREARE ROMANZI UNICI

Ma quanti sono i generi letterari? Secondo il “Book Industry Subject and Category”, ne esistono 239 fra generi e sottogeneri. Non pochi, proprio per l’effetto di sviluppo ed ibridazione a cui abbiamo accennato, ma ci sono dei generi più amati di altri, più letti, più riconosciuti e riconoscibili all’interno delle dinamiche editoriali: Giallo, Rosa, Horror, Fantasy, Fantascienza, Erotico, Crescita, Psicologico, Storico, Umoristico, Avventura, Biografia e Autobiografia sono alcuni di questi; e oggi più che mai Young Adult e Fanfiction. Conoscere le caratteristiche del genere narrativo che più ci affascina e coinvolge, e che magari vogliamo riproporre come autori, è molto importante, perché ci permette di poter applicare il principio della limitazione creativa, quel meccanismo insito nella scrittura che ci consente di avere degli elementi di riferimento per non perderci mentre scriviamo. Ogni lettore, inoltre, ha delle preferenze in termini di genere narrativo e le sue scelte editoriali riguardano anche questo; e possono essere orientate dalla trama, dal tipo di personaggio, da alcuni dettagli descrittivi e ambientali che emergono già dagli elementi extra-testo come la copertina, la sinossi e il titolo. Al di là di considerazioni più letterarie, dunque, anche questo aspetto pratico rende importante la scelta e la gestione consapevole di un genere letterario, proprio perché nella maggior parte dei casi i lettori scelgono quel che conoscono o quel che hanno imparato ad amare. Avere padronanza dei generi letterari è importantissimo per scrivere narrativa oggi.

L’IMPORTANZA DI CONOSCERE I GENERI NARRATIVI

Quando decidiamo di scrivere una storia, avere già idea del genere narrativo cui potrebbe appartenere ci aiuterà ad avere una base di partenza, una sorta di canone artistico di riferimento, e tuttavia ciò non deve diventare un limite, perché se i generi ci aiutano a tracciare le caratteristiche fondamentali della storia, non devono però impedirci di sperimentare, intrecciare il genere primario con altri, sconvolgere un po’ le aspettative del lettore sorprendendolo. Si parte dalla consapevolezza del tipo di romanzo che stiamo scrivendo, per poter anche giocare con le intuizioni dei lettori. Usiamo dei parametri compositivi conosciuti per progettare la nostra storia (Giallo, Rosa, Noir…) questo ci darà sicurezza e anche inventiva, perché sapremo sempre in che direzione andare, quali sono i nodi principali di sviluppo andare e come supportare la trama all’interno di un solco conosciuto ed efficace a contenere la confusione creativa iniziale.

ESEMPI DI GENERI E PARAMETRI COMPOSITIVI

Ecco qualche esempio di genere con i rispettivi parametri compositivi:

  • Giallo: la trama ruota intorno a un crimine, alle indagini e alla conseguente soluzione del caso. Il protagonista è spesso un investigatore (di professione o improvvisato).
  • Rosa: detti anche romance, raccontano di storie d’amore generalmente a lieto fine. Elementi tipici della trama sono tradimenti, pentimenti, triangoli amorosi, conflitti familiari che impediscono agli innamorati di stare insieme e così via. Spesso gli elementi romantici tipici del genere rosa sono presenti anche in altri generi. Una bella storia d’amore fa sempre piacere.
  • Horror: trama coinvolgente basata su elementi che giocano con le paure consce o inconsce dei lettori.  Tipici di questi racconti sono personaggi ambigui e mostruosi, scenari macabri e dettagli descrittivi terrificanti.  Non sempre la verità viene a galla, e spesso, specie nell’horror contemporaneo, il male trionfa.
  • Storico: trame che intrecciano il vissuto di personaggi fittizi a quello di circostanze storiche più o meno fondate (dovrebbero essere tali, ma spesso non lo sono); tipica di questi romanzi è la cura del dettaglio di costume, il registro linguistico adeguato, le descrizioni che mirano a ricostruire su pagina le epoche in cui i personaggi agiscono.
  • Umoristico: storie che enfatizzano scene bizzarre, perfino grottesche, che suscitano ilarità ma fanno anche riflettere. I protagonisti sono o vittime dell’arguzia altrui o essi stessi sottili umoristi, il più delle volte raccontano in prima persona.
  • Young Adult: romanzi rivolti per lo più agli adolescenti che raccontano di sentimenti, dipendenze, sessualità più o meno esplicita. I protagonisti sono quasi sempre ragazzi e ragazze e gli antagonisti sono gli adulti. 
  • Fanfiction: dette anche opere derivate, fanno seguito alle storie di grandi autori (o a serie televisive e opere cinematografiche di successo) e sono, in pratica, scritti dai fan che ricalcano in parte le opere di partenza: ambientazione, circostanze, temi, personaggi.
Condividi:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

vania

Vania Russo è scrittrice, valutatore editoriale di manoscritti, editor e docente di corsi di scrittura creativa e narratologia. Dal 2008 segue diversi stage, master e corsi di narratologia e laboratori teatrali. Si specializza in laboratori di narratologia e si forma quale lettore editoriale ed editor professionista presso la Scuola Dumas, docente Mario Arturo Iannaccone. Collabora con diverse Associazioni Culturali e Case Editrici in qualità di correttore bozze ed editor. Partecipa a diversi concorsi letterari con il gruppo di scrittori Ludici Scriptores. È presidente dell’Associazione Storico Culturale Lidenbrock, della quale dirige la rivista letteraria insieme allo storico saggista Mario Arturo Iannaccone. Ha pubblicato, oltre ai romanzi, il Manuale di scrittura creativa – Con esempi, esercizi, approfondimenti e Scrivere con stile – Manuale avanzato di scrittura con esempi, esercizi, approfondimenti, editi da Panda Edizioni.

Lascia un commento