Come scrivere un romanzo: costruire una trama efficace

Come scrivere un romanzo: costruire una trama efficace

Per costruire una trama non basta avere una storia in mente e cercare di narrarla, questo lo fanno i narratori; gli scrittori che vogliono dare precisa forma alla materia narrata, invece, devono fare un passo in più: devono addentrarsi nella storia (intesa come unico grande evento che racchiude tutto ciò che accade al personaggio) e scegliere gli eventi che possano orientare lo sviluppo della narrazione in precise direzioni. Non è affatto semplice, ed è proprio questo il bello.

SCEGLIERE GLI EVENTI

La trama manzoniana

Immaginano di poterci sostituire a Manzoni nella stesura dei Promessi Sposi (esercizio tra l’altro utilissimo quello della riscrittura) e di operare delle scelte diverse, accantonando eventi che siamo abituati a conoscere e sostituendoli con altri: invece di fuggire con Lucia, Renzo decide di mettere in atto il proposito di uccidere don Rodrigo, per cui si reca dal signorotto e gli spara; o magari la Monaca di Monza si converte innanzi alla suppliche di Lucia e, conquistata dalla sua innocenza (come lo sarà l’Innominato nell’originale), decide di non consegnarla ai rapitori, dandole invece una mano a fuggire. Non sono eventi secondari, bensì irreversibili rispetto all’arco di sviluppo sia dei personaggi che dell’intera vicenda.

DALL’IDEA AL PROGETTO

Porsi le giuste domande

Quando lo scrittore deve strutturare la trama deve porsi delle precise domande. Per esempio:

  • Cosa includere?
  • Cosa escludere?
  • Quale evento inserire prima?
  • Quale evento inserire dopo?

Non si tratta solo di imbastire scalette, non si tratta solo di raccontare una storia: si tratta di operare precise scelte studiando, di volta in volta, le conseguenze. È come una partita a scacchi per cui ad ogni mossa deve corrispondere necessariamente una reazione dell’avversario, nel caso della narrazione a ogni evento (causa) dovrà corrispondere una conseguenza (effetto).

Se vuoi approfondire con il nostro aiuto, clicca qui per saperne di più sui nostri corsi o sui nostri servizi di tutoring!

TRAMA COME ORGANIZZAZIONE

L’ossatura della storia sono gli eventi

Per questo motivo, la trama non può essere definita come un semplice susseguirsi di svolte, cambiamenti o colpi di scena. Alcuni eventi sono “silenziosi”, apparentemente diplomatici, rispetto al livello emotivo, eppure produrranno qualcosa, andranno a incidere sull’organizzazione e sullo sviluppo soprattutto cronologico della storia (in fase di lavoro alla struttura lo scrittore si concentra principalmente sulla fabula, dunque sullo sviluppo cronologico, per poi dedicarsi al posizionamento degli eventi in base alla direzione di sviluppo che vuole imprimere, l’intreccio).

TRAMA: IL DISEGNO CLASSICO

E gli altri…

Nel suo «disegno più classico» la trama è normalmente incentrata su un/una/dei protagonista/i che pur di realizzare un desiderio preponderante lotta/no contro tutto ciò che si antepone tra lui/lei/loro e tale realizzazione. Il disegno classico individua le trame in genere più comprensibili e consistenti, comuni a tutte le civiltà, culture e mitemi. Tuttavia ne esistono anche di altra natura. La trama può essere minimale, in cui lo scrittore riduce al minimo, come suggerisce la parola, gli elementi tipici della trama classica, semplificando alcuni aspetti e parametri per esaltarne altri, come la psicologia dei personaggi o magari il singolo evento intorno cui far ruotare tutto. Ed esiste l’antitrama (base nodale dell’antiromanzo o nouveau roman), ma anche del teatro dell’assurdo.

Condividi:
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

vania

Vania Russo è scrittrice, valutatore editoriale di manoscritti, editor e docente di corsi di scrittura creativa e narratologia. Dal 2008 segue diversi stage, master e corsi di narratologia e laboratori teatrali. Si specializza in laboratori di narratologia e si forma quale lettore editoriale ed editor professionista presso la Scuola Dumas, docente Mario Arturo Iannaccone. Collabora con diverse Associazioni Culturali e Case Editrici in qualità di correttore bozze ed editor. Partecipa a diversi concorsi letterari con il gruppo di scrittori Ludici Scriptores. È presidente dell’Associazione Storico Culturale Lidenbrock, della quale dirige la rivista letteraria insieme allo storico saggista Mario Arturo Iannaccone. Ha pubblicato, oltre ai romanzi, il Manuale di scrittura creativa – Con esempi, esercizi, approfondimenti e Scrivere con stile – Manuale avanzato di scrittura con esempi, esercizi, approfondimenti, editi da Panda Edizioni.

Lascia un commento